business plan hotel, Business plan per l’hotel, Hospitality Team, Hospitality Team

Business plan per l’hotel

da | Giu 1, 2021 | Business plan e strategia, News

Come strutturare un business plan specifico per esaltare il piano imprenditoriale di questa struttura ricettiva

Alla base di ogni sogno o concreto progetto, noi di Hospitality Team da sempre parliamo di Business Plan.

Questo strumento, di cui più volte abbiamo scritto, non ci permette solo di avere una chiara visione di quello che si dovrà andare a creare, quindi quando il progetto è ancora nella sua fase iniziale. Effettuarne una revisione periodica ci permette, in corso d’opera, di aggiustare il tiro, di capire dove migliorare e su quali leve puntare per efficientare la vostra impresa.
Fatta questa doverosa premessa, ci rivolgiamo oggi a tutti quegli imprenditori la cui idea di business rientra nel mercato della ricettività, in particolare, analizzeremo assieme come strutturare un business plan per l’hotel.

Business plan hotel: il primo passo

Avete delle idee innovative, siete convinti di distinguervi dai competitors perché la vostra struttura possiede quel “quid” in più in grado di sorprendere i futuri clienti.
Bene, un ottimo punto di partenza. Per poter concretizzare tutto ciò e far si che rimanga tale nel tempo, si rende necessario stilare un business plan corretto e completo. Questo deve rappresentare l’idea imprenditoriale all’apertura e i dettagli di come si vorrà andare a concretizzare il tutto, effettuando una previsione di almeno tre anni.

Avendo chiari gli obiettivi, per poterli realizzare bisogna individuare anche le fonti di finanziamento. Vi anticipiamo che, se si dovesse richiedere a terzi una quota capitale da impiegare, è proprio un business plan ben fatto che potrebbe risultare decisivo nella scelta del finanziatore se aiutarvi o meno. Ma vediamo bene in seguito i vari punti da considerare.

Descrizione del business

Mission e Vision aziendale, mai sentito parlare? In questa primo punto deve esservi una frase che descriva in poche parole il vostro progetto e perché è unico nel panorama in cui operate.
Sempre in questa prima parte, potete aggiungere, sempre in forma concisa, informazioni sui vari punti di forza che caratterizzano il vostro business. Solo un accenno in modo da invogliare terze parti impegnate nella lettura a proseguire incuriositi. Il tutto verrà approfondito in seguito.

Contestualizzazione

Che il vostro hotel sia stato edificato o ve ne siano solo le fondamenta o i ruderi da ricostruire, in questa parte è bene specificare lo stato dei lavori. Non solo, si deve contestualizzare l’opera, dando una descrizione del mercato in cui si va ad operare.

Analisi del mercato

Una volta chiarito il contesto di mercato, è fondamentale avere una chiara idea di chi si vuole andare a conquistare. In questo punto si andrà a profilare il cliente medio per i cui bisogni sorge il vostro hotel.

Analisi della concorrenza

Un altro attore importante da considerare nello strutturare un piano di business vincente è il competitor. In questa parte, dopo aver dato chiara visione di dove si strutturerà l’hotel e per quale clientela, si deve descrivere chi concorre con la vostra idea di business. In sostanza, chi altri ha un hotel nella stessa zona che potrebbe intercettare vostri potenziali clienti. E’ fondamentale una presa di coscienza in questo senso per comprendere i propri limiti ed esaltare i punti di forza per ideare una strategia vincente.

Piano strategico

A questo punto del prospetto si descrive la strategia da intraprendere per presentarsi nel mercato.
È necessario considerare la comunicazione on line e off line, quindi stilare un piano marketing dettagliato individuando il messaggio che volete comunicare e, per la vendita delle camere e altri servizi, delineare se e con quali OTA procedere.

Piano operativo

La gestione operativa della struttura si descrive in questo punto attraverso la precisazione di quali risorse e dove andranno ad operare per il completo andamento della struttura. Dalle cameriere ai piani allo chef del ristorante a chi effettua, e ogni quanto, la manutenzione del verde e della piscina. Specificare inoltre i costi da sostenere per la gestione delle risorse umane, il tutto verrà poi riassunto nel piano finanziario.

Piano finanziario

Ecco qui l’ultimo fondamentale aspetto da presentare nel prospetto di business. Questa parte merita un’attenzione ancora maggiore rispetto a quella posta nei precedenti punti perché sarà oggetto di primaria valutazione da parte di terzi eventuali investitori e servirà a voi per capire in corso d’opera se il ritorno effettivo in termini monetari coincide con quello previsto.

Non solo, una puntuale riflessione prima di stendere questo punto vi permette già in partenza di chiarire le fonti finanziarie che necessita la vostra idea d’impresa. E’ bene effettuare una previsione che va dai tre ai cinque anni dei costi da sostenere, unendo gli introiti per un chiaro prospetto di risorse in entrata e in uscita.

Informazioni aggiuntive

Se ritenete che quanto scritto fino ad ora nel vostro business plan non sia sufficientemente riassuntivo e non carpisca ogni aspetto di rilievo del vostro progetto, nello spazio finale potete dedicare qualche riga per esaltare ulteriormente quanto desiderate.
Ricordate che un business plan per essere efficace deve essere incisivo e chiaro piuttosto che un’accozzaglia di informazioni non ben strutturate.

Dalla nostra pluriennale esperienza, sviluppiamo accurati business plan, basandoci sulle reali necessità dell’imprenditore, con format elaborati ad hoc per ogni realtà, per individuare le strategie e gli investimenti per lo sviluppo aziendale.

Se volete saperne di più su come redigere un Business Plan per il vostro hotel, noi di Hospitality Team siamo a disposizione. Potete contattarci senza impegno all’indirizzo segreteria@hospitalityteam.it o alla nostra pagina Contatti.

Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere aggiornato in tempo reale sulla pubblicazione di bandi a fondo perduto e su tutte le novità utili per la tua impresa?

Iscrizione avvenuta correttamente