Art Bonus Hotel – Riqualificazione Strutture Ricettive Alberghiere

art bonus hotel

TAX Credit Turismo: a febbraio il click day

Il credito d’imposta per le spese di riqualificazione al 65%

La legge di stabilità 2017 ha confermato il riconoscimento del credito di imposta per la riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere anche per quest’anno e per il prossimo, con l’applicazione di alcune interessanti modifiche.

Innanzitutto, il tetto massimo delle spese ammesse è stato innalzato al 65% (precedentemente era pari al 30%). Poi, altra buona notizia, è stato esteso anche alle strutture che svolgono attività agrituristica.

L’Art Bonus è applicabile alle spese sostenute dal 01/01/2017 al 31/12/2018 per molteplici interventi: ristrutturazione edilizia, acquisto mobili, eliminazione delle barriere architettoniche e riqualificazione energetica.

Aggiorniamo gli importi dell’esempio utilizzato nel precedente articolo:

l’hotel rinnova alcuni arredi, sostituisce la cucina e ammoderna gli impianti di climatizzazione e illuminazione a led. Ha sostenuto spese nell’anno 2017 per €300.000. In sede di dichiarazione dei redditi, a luglio 2018 e luglio 2019 verranno ad esso scontati sulle tasse €97.500 per ciascun anno, per un totale di €195.000 (cioè il 65% di €300.000). Per le spese indicate dal decreto, quindi, l’impresa vedrà riconoscersi, in 2 anni, una riduzione delle imposte pari al 65% della spesa sostenuta.

Quali sono le spese ammissibili

Sono ammesse al credito d’imposta le spese relative a:

camere d'albergoRistrutturazione edilizia: interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia vera e propria (per esempio realizzazione servizi igienico sanitari, frazionamento o accorpamento unità immobiliari, sostituzione di serramenti interni e porte interne);

Acquisto di mobili e componenti d’arredo (per esempio, rifacimento o sostituzione di cucine o di attrezzature professionali per la ristorazione, apparecchiature varie di cottura e conservazione cibi, mobili e complementi d’arredo da interno e da esterno, attrezzature per parchi giochi e attrezzature sportive pertinenziali, arredi e strumentazioni per la realizzazione di centri benessere ubicati all’interno delle strutture ricettive).

Eliminazione delle barriere architettoniche (ad esempio rifacimento scale, ascensori, rampe, installazione sistemi domotici per apertura e chiusura infissi);

Efficientamento energetico (ad esempio interventi sull’involucro edilizio, interventi di sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione, installazione di impianti fotovoltaici e pannelli solari termici, installazione schermature solari esterne mobili, illuminazione led).

A febbraio il click day!

Le imprese turistiche che hanno effettuato investimenti nel 2017 possono inviare le domande compilando l’istanza sul portale dei procedimenti dal 25 gennaio al 9 febbraio 2018, con il click day fattibile nell’arco temporale tra le ore 10 del 26 e le ore 16 del 27 febbraio 2018.

Le domande non saranno valutate da una commissione: l’agevolazione verrà assegnata in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande. Prima viene inviata la domanda, maggiori possibilità si hanno che l’agevolazione venga confermata.

Aver pronta tutta la documentazione è di fondamentale importanza per non perdere l’opportunità del vantaggio fiscale.

Per questo, Hospitality Team vi invita già da ora a valutare l’accesso al credito d’imposta. contattandoci per maggiori informazioni sulle modalità di presentazione e sugli interventi ammissibili.

Puoi richiedere l’assistenza inviandoci un messaggio:

Inviaci email

3 + 1 = ?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.