Contributi a fondo perduto per le aziende che vogliono rottamare i loro veicoli commerciali con nuovi veicoli elettrici, ibridi, metano o GPL

,
contributo rottamazione veicoli inquinanti

La Regione Veneto mette a disposizione un intervento a fondo perduto a favore della mobilità sostenibile per le micro, piccole e medie imprese per la rottamazione e l’acquisto di veicoli commerciali.

È stato pubblicato il bando finalizzato ad incentivare le micro, piccole e medie imprese (MPMI) a demolire i veicoli commerciali diesel per il trasporto in conto proprio, di proprietà, con il conseguente acquisto di un nuovo veicolo ad uso commerciale e industriale a basso impatto ambientale.

Sono previste diverse forme di contributo in base alle dimensioni dei vari mezzi e l’iniziativa prevede l’assegnazione di contributi per l’acquisto di un veicolo di categoria N1 o N2 di nuova immatricolazione a fronte di rottamazione di veicoli inquinanti. Il contributo a fondo perduto arriva fino a 10.000 euro per un nuovo veicolo elettrico, 8.000 euro per un ibrido e fino a 7.000 euro per mezzi GPL.

contributo a fondo perduto per rottamazione veicoli commerciali

L’incentivo ha come obiettivo la riduzione degli agenti inquinanti e l’adozione di buone prassi per migliorare la qualità dell’aria, attraverso la sostituzione di un veicolo da rottamare con un veicolo nuovo.

La misura proposta nel bando è nuova, mai sperimentata prima e non è ancora stata quantificata la riserva disponibile, ma la Giunta Regionale provvederà allo stanziamento delle risorse necessarie in funzione dell’effettivo interesse e adesione al bando (per il 2018 si vocifera su una riserva sui 500mila euro).

Chi può presentare domanda di contributo

Possono presentare domanda di contributo le MPMI operanti in Veneto, già proprietarie di un autoveicolo per il trasporto in conto proprio (sono esclusi gli acquisti di veicoli destinati al trasporto conto terzi) di categoria N1 e N2, da destinare alla rottamazione, appartenenti ad una categoria ambientale fino a Diesel-Euro 3.

Quali sono le condizioni previste nel bando

È previsto il contributo per la sostituzione di un solo veicolo per ogni impresa, inoltre la proprietà del nuovo veicolo deve essere mantenuta per almeno un anno.

I soggetti beneficiari saranno tenuti a collocare nella parte posteriore del veicolo acquistato con il contributo regionale un’apposita decalcomania tesa ad evidenziare la valenza ambientale dell’iniziativa sostenuta dalla Regione del Veneto che verrà inviata agli interessati a cura degli uffici regionali.

Due fasi attuative: le scadenze e la graduatoria

Il bando si articola in due fasi distinte: una prima fase finanziata con le risorse disponibili per il 2018 e una seconda con le risorse a valere nell’annualità 2019.

PRIMA FASE:

  • presentazione della domanda deve avvenire entro il 11.11.2018 (30 giorni dalla pubblicazione sul BUR del Provvedimento Regionale);
  • acquisto del nuovo veicolo entro il 31.12.2018;
  • cessazione di circolazione del veicolo da rottamare entro il 15.04.2019;
  • rendicontazione entro il 30.04.2019.

SECONDA FASE:

  • Partecipano alla seconda fase le istanze presentate dal 01.01.2019 e fino al 28.02.2019;
  • acquisto del nuovo veicolo entro il 31.05.2019;
  • cessazione di circolazione del veicolo da rottamare entro il 09.08.2019;
  • Rendicontazione entro il 31.08.2019.

La partecipazione al bando presuppone una graduatoria determinata assegnando particolare priorità alle micro imprese e poi alle piccole e medie imprese, pur mantenendo l’ordine cronologico di arrivo delle domande nell’ambito di ciascuna categoria di impresa.

In ogni caso, gli ammessi al contributo non perdono il vantaggio, la graduatoria avrà validità triennale e potrà essere ulteriormente finanziata sulla base delle risorse economiche che si renderanno disponibili fino ad esaurimento della stessa. Inoltre le imprese che intendessero rinunciare al contributo lo potranno fare con una semplice comunicazione via pec.

Questa è un’ottima occasione per migliorare la flotta aziendale, oltre al fatto di contribuire al miglioramento della qualità dell’aria.

Contattaci per avere maggiori informazioni o un appuntamento con il nostro esperto dei contributi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.