Instagram per le strutture ricettive

,
instagram per hotel

Quanto è importante gestire una strategia Instagram per una struttura ricettiva?

Intervista a Gionata Smerghetto

Instagram è il canale social del momento, il più utilizzato non solo dai giovani, e alcuni dati ci dicono che è molto utilizzato per cercare ispirazione o per condividere un’esperienza di viaggio.

È dunque uno strumento strategico per le strutture ricettive? 

Lo abbiamo chiesto a Gionata Smerghetto, che con la sua realtà Garage Raw, si occupa di Content & Strategy per le aziende, o strutture, che vogliono ben posizionarsi nel mondo dei social, con particolare focus su Instagram.

In questo articolo sintetizziamo l’intervista, che trovate completa nel nostro canale youtube, condotta da Martina De Nardi, esperta di strategie di Inbound Content Marketing.

Martina: Ciao Gionata, grazie per la tua disponibilità. Partiamo subito con la domanda fatidica: perché una struttura ricettiva dovrebbe investire oggi sul canale Instagram e, soprattutto, perché un hotel dovrebbe essere ben presente su Instagram.

Gionata: Semplicemente perché oggi instagram è l’applicazione social più utilizzata, soprattutto in Italia e non solo dai giovani. Ci sono milioni di utenti che la usano quotidianamente e alcuni dati ci dicono che  il 48% delle ricerche su Instagram sono utilizzate per cercare ispirazioni di viaggio o per condividere un’esperienza di viaggio. Quindi per il tema travel, e anche per il food, è un’applicazione che ha una grande importanza per la comunicazione.

Martina: Ricollegandoci a quanto hai appena detto, quali sono i quattro vantaggi più importanti che un hotel può trarre da un’attività corretta di comunicazione su instagram.

Gionata: possiamo riassumere i 4 principali vantaggi in: 

  1. Diventare un brand riconoscibile su Instagram.
  2. Fidelizzare i propri ospiti.
  3. Aumentare le vendite e quindi disintermediare.
  4. Migliorare la visibilità della propria struttura ricettiva.

Martina: Essere presenti nel modo sbagliato: quali svantaggi o ricadute negative può creare per l’azienda che lo sta utilizzando non correttamente.

Gionata: Se da un lato essere su Instagram la visibilità è un plus, dall’altro lato bisogna fare attenzione ai contenuti che si pubblicano. Instagram è nato come uno strumento personale per condividere foto intantanee ma oggi è diventato uno strumento di business. Le aziende “dovrebbero” utilizzare Instagram in modo professionale e separare quello che è l’utilizzo personale dei social da quello che è un profilo business sui social. 

Martina: Considerando il mercato attuale e le prospettive per i prossimi anni, quali sono i settori che secondo te hanno più motivo di investire su Instagram.

Gionata: Sicuramente quello del turismo è uno dei settori principali su Instagram, come sui social in generale, vediamo molte foto di viaggio e lo utilizziamo per ispirarci o per mostrarci alle persone che cercano una destinazione di viaggio. Se riusciamo a trasformare il nostro profilo bello e instagrammabile, sicuramente favoriremo la volontà da parte degli ospiti, o potenziali tali, a venire fisicamente nella nostra struttura per fare delle belle foto e raccontare la loro esperienza.

Martina: Vi occupate di strategie di comunicazione sui social e come agenzia quali sono gli step operativi per avviare un progetto di comunicazione su instagram.

Gionata: Essere presenti bene su Instagram non significa solo fare delle foto e pubblicarle. Per avviare un progetto di comunicazione su Instagram dobbiamo capire qual è la mission e studiare la strategia digitale che porterà ad uno sviluppo e un’evoluzione. 

Oggi nei social bisogna dare molta importanza alla produzione di contenuti di buona qualità, adatti per essere utilizzati su instagram. Creare dei buoni contenuti, personalizzati, permette all’azienda di costruire un’identità visuale, identità che deve uniforme con tutti il resto della comunicazione digitale, nei vari canali ufficiali dell’azienda.

Martina: E qual è la condizione che non può mancare per avviare un progetto di comunicazione su Instagram o, piuttosto, quali sono le difficoltà o le perplessità che si devono superare all’inizio.

Gionata: Lo scoglio più grande che riscontriamo è quello di comprendere che oggi i contenuti hanno un’importanza fondamentale se si vuole avere una buona presenza nei social e nel digital in particolare. L’investimento sulla creazione di contenuti è fondamentale per essere ben presenti sui social. E i contenuti devono essere generati e integrati in una buona strategia di comunicazione. 

Instagram non è una medicina ma parte di una strategia.

Martina: Quanto conta la coerenza tra i vari canali di comunicazione dell’azienda? 

Gionata: l’errore più grande è far vedere e percepire una realtà che non rispecchia quello che poi effettivamente è nel concreto, questo potrebbe scatenare delle recensioni negative.

Martina: Perché un’azienda, di qualunque settore, ha bisogno di una strategia ben strutturata piuttosto che affidarsi ad un “fai da te” e in termini di ritorno cosa può aspettarsi la struttura ricettiva.

Gionata: Instagram oggi lo conoscono tutti ma sapere creare strategie e contenuti non è qualcosa che si impara in 5 minuti. Nel futuro non ci sarà Instagram, o non solo questo canale social, ci saranno evoluzioni e altri canali, sopravviverà chi rimarrà a galla e saprà utilizzare i canali di comunicazione che meglio potranno essere adattati alla propria realtà.

Martina: Parlando di futuro…come vedi il mondo dell’hospitality su Instagram nel medio e lungo termine e quali saranno i trend per il 2019?

Gionata: Oggi le stories stanno diventando predominanti e anche se le belle foto possono continuare ad ispirare, saranno i video che la faranno ancora da padrone. Anche gli influencer avranno un ruolo sempre più importante. 

Non ci sarà sempre Instagram, per questo è bene utilizzarlo correttamente oggi e domani sapersi adattare in modo rapido ad altri strumenti.

Martina: il consiglio di Gionata?

Gionata: Sicuramente per le strutture ricettive il mio consiglio è di considerare instagram come una parte strategica della propria comunicazione, di ritenerlo fondamentale perché le persone lo utilizzerà sempre di più nei prossimi anni. È anche vero che bisogna essere consapevoli che, se non utilizzato bene e senza una strategia, può essere controproduttivo.

Ringraziamo Gionata per la sua disponibilità (e la sua simpatia) e per le preziose informazioni che ha condiviso con noi: avere una strategia è il fondamento di ogni comunicazione sui social.

L’intervista completa la trovi su ►youtube

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.