Creazione e sviluppo di attività extra-agricole nelle aree rurali del Veneto

,
contributi a fondo perduto per le aree rurali del veneto

Aiuti a fondo perduto per le imprese venete operanti nei settori artigianato, turismo e sociale

Fino ai primi di ottobre è possibile fare richiesta di contributo perduto alla Regione Veneto per l’avvio di nuove attività e lo sviluppo di quelle esistenti, dei settori turismo, artigianato e sociale.

Con questa opportunità di agevolazione, il Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020 sostiene gli investimenti finalizzati alla creazione di nuova occupazione e alla vitalizzazione economica e sociale del territorio rurale della regione, attraverso la nascita e lo sviluppo di attività extra-agricole sia produttive che di servizio.

Beneficiari

Persone fisiche, micro e piccole imprese dell’intero territorio regionale, ad esclusione delle aree urbane e periurbane e dei Comuni facenti parte delle aree interne “Unione Montana Comelico”, “Contratto di Foce” e “Unione Montana Agordina”.

I soggetti, al momento della presentazione della domanda, devono essere iscritti nell’Anagrafe del Settore Primario e non esercitare attività agricola.

Nello specifico, il supporto è fornito per investimenti diretti alla creazione e allo sviluppo delle seguenti attività extra agricole:

  • artigianali (operanti nei settori del living, della meccanica e della moda);
  • turistiche (ad esempio strutture ricettive, gelaterie e pasticcerie, noleggio di attrezzature sportive);
  • di servizio nel settore sociale (ad esempio strutture di assistenza residenziale per anziani e disabili).

Tipologia di spese ammissibili

Sono ammesse le spese per:

  • la ristrutturazione e l’ammodernamento dei fabbricati finalizzati alla realizzazione di stanze o locali per lo svolgimento delle attività e al loro adeguamento agli standard previsti dalle norme specifiche anche ai fini dell’autorizzazione all’esercizio;
  •  gli ampliamenti necessari esclusivamente per gli adeguamenti tecnologici e igienico-sanitari a volumi tecnici e per l’eliminazione delle barriere architettoniche;
  • la sistemazione delle aree esterne al fabbricato;
  • l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature;
  • l’acquisto o lo sviluppo di programmi informatici, la realizzazione di siti internet e l’acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali.

Contributo

Il contributo a fondo perduto, concesso in regime de minimis, è pari al 40% della spesa ammissibile nel caso di ristrutturazioni ed ammodernamento dei beni immobili, ed al 35% per le altre tipologie d’intervento.

Nel caso di interventi realizzati in zone montane, l’aliquota dell’aiuto è pari al 50% per ristrutturazioni ed ammodernamenti, e al 45% per le altre tipologie di spesa.

L’importo della spesa ammissibile non può essere inferiore a €8.000 nelle zone montane e a €15.000 nelle altre zone.

Vuoi saperne di più?

Contattaci senza impegno per ulteriori informazioni sul bando. Hospitality Team può aiutarti a capire se il tuo progetto può essere agevolato, offrendoti un servizio di redazione e presentazione della domanda di sostegno.

consulenza per contributi a fondo perduto

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *